Crea sito
css sfondo

Trenibelluno.it - Il Dirigente Centrale Operativo D.C.O

La seguente trattazione Ŕ da riferirsi al sistema CTC/DCO in uso sulle linee Bellunesi fino al 31 Maggio 2011, data di attivazione della postazione CTC Cadore presso Venezia Mestre.

Il sistema CTC e ACEI semplificato sulla Castelfranco V.to - Calalzo

Premesse:

Un impianto CTC è costituito da un posto centrale e da posti periferici collegati da un canale per l'effettuazione di teleoperazioni.Questo sistema permette l'invio di telecomandi dal posto centrale alla periferia e la ricezione di telecontrolli in senso inverso.

Gli impianti di telecomando possono essere di vari tipo, sulla nostra linea si utilizzano insieme i seguenti sistemi:Stazioni dotate di ACEI del tipo semplificato e distanziamento treni con il blocco elettrico conta assi( d'ora in poi Bca).

Distinzione tra telecomandi e telecontrolli:

telecomandi: ogni comando impartito dal DCO (Dirigente centrale operativo) tramite manipolazione della tastiera del Posto centrale (poi P.C.) viene convertito in una sequenza di bit, una parte di questi costituisce il comando per il posto periferico (poi P.P. o posti satellite P.S.) mentre la seconda parte rappresenta un codice di controllo che da una probabilità di errore dell'ordine di 10-22

telecontrolli: sono informazioni trasmesse sempre in sequenza di bit dal P.P. al P.C.

Parti costitutive di un C.T.C.

pulsantiera di comando con compiti di selezione del P.S. o dell'ente del P.S. su cui operare

un quadro luminoso (poi QL) con il piano schematico della linea controllata e relativi enti

elaboratore con funzione di calcolo dei controlli da pulsantiera e gestione dei P.S.

apparecchiature di ricetrasmissione;

logiche di interfaccia;

ACEI locale

enti di piazzale

Nella nostra linea sono:

Stazioni porta permanenti: Castelfranco V. ; Belluno ; Ponte nelle Alpi e Conegliano.

Stazioni porta temporanee: Calalzo; Longarone

Telecomando/teleconsenso (E/DCO): Sedico ,Santa Giustina , Feltre, Cornuda, Montebelluna

Telecomando/ (E/DCO): Perarolo , Ospitale , Busche , Quero ,Alano, Fanzolo

 

Gli ACEI presenziabili di tipo semplificato

ITINERARI PER TUTTI I PS
Treni Dispari Binario Arrivo Partenza
Binario di corsa II 1 -3  3 - 2
Binario deviato I 1 - 4  4 - 2
Binario deviato III 1 - 5  5 - 2
Treni Pari Binario Arrivo Partenza
Binario di corsa II 2 - 3  3 - 1
Binario deviato I 2 - 4  4 - 1
Binario deviato III 2 - 5  5 -1

Nei PS di tipo presenziabile con ACEI semplificato sono previsti quattro sistemi di esercizio:

Telecomando: il DCO svolge tutte le operazioni

Teleconsenso: il DCO concede consensi per lo svolgimento delle operazioni, l'impianto è presenziabile di norma da Apposito Incaricato.

Stazione Porta Temporanea: i soli itinerari di partenza sono condizionati per senso dal consenso del DCO, l'impianto è di norma presenziato da DM

Esclusione DCO (E/DCO): tutti gli impianti di cui sopra possono operare in esclusione DCO tramite l'apposito tasto che rende indipendente l'ACEI dal sistema CTC.

Il posto centrale P.C.

Nella sala del P.C. si trova il banco di comando, sul quale sono collocate le pulsantiere, le piastre telefoniche e di diffusione sonora; di fronte al banco si trova il QL di tipo absidale.

Impartito un comando, questo passa attraverso un elaboratore che lo trasmuta in codice binario e successivamente lo invia come stringa al PS tramite un modem e una linea telefonica.

Il messaggio in arrivo nel PP viene ricodificato dal modem ricevente e il comando viene eseguito dall'ACEI locale.

Il PP aggiorna la ricezione ogni circa 4 secondi ciclicamente pertanto se il DCO invia comandi ritenuti "forti" viene eseguito un ricontrollo.

Sono previsti una linea telefonica e un elaboratore di riserva che si autocommutano in caso di necessità.

Sotto è riportata la pulsantiera di tipo SASIB presente a Belluno.

Tutti i pulsanti sono con ritorno a molla tranne i due di tacitazione degli allarmi.

 

Ciclo1

 

Ciclo2

Ciclo3 

 

I

dIt

Ric

 Rip

 

S1

S2

Alim.
N

Alim.
R

SED

 

BEL

PON 

 

P

SP

LA

LPL

 

 

 

 

Elab.
N

Elab.
R

SGT

COR

 

 

 

CsSP

D

LT

C/N

CE

A/R

 

N
All.G

R
All.G

BUS

MON

LON

 VIT

 

It

MD

FR

7

8

9

 

N
All.R

R
All.R

FEL

FAN

OSP

 CON

 

ChSe

MFd

RPl

4

5

6

 

Tt
A

Tt
GA

 QUE

CAS

PER

 TRE

 

ChPL

RD

 

1

2

3

 

Rip
PS

DD
PS

ALA

 

CAL

 POS

 

Acc
QL

Tr

 

R

0

C

 

 

Significato dei pulsanti:

I : autorizzazione impresenziamento PS

P: autorizzazione presenziamento PS o SP

It: comando itinerario

D: deviatoio

CsSP: consenso a SP

RPL: richiesta anticipata chiusura PL di linea

LT:itinerario automatico di libero transito

FR:Itinerario autoamtico con fermata

ChSe:Inibizione apertura segnali

ChPl:chiusura PL

RD:riscaldamento deviatoi

Ric:ricontrollo

dIt:distruggi itinerario

LA:liberazione artificiale punto di origine

MD:autorizzazione manovra deviatoi ( sblocco chiave fermascambi)

MFd:autorizazione manovra fermadeviatoi

LPL: liberazione artificiale Pl di linea.

AccQL:accensione quadro luminoso

Tr: traccia presenza treno

TtA: tacitazione allarme singolo

TtGA: tacitazione generale allarmi

RipPP: ripristino P.P.

DDPP: ripristino linea diretta

Esempi di comandi:

comandare un itinerario 1 - 3 nella stazione di Sedico la sequenza è:

SED + It + 1 + 3 + C dopo 5 secondi l'itinerario verrà realizzato.

concedere il consenso a Calalzo per l'invio di un treno:

CAL + CsSP + C

Informazioni tratte da C.T.C su linee a semplice binario e ACEI semplificati delle FS 1993 aggiornato con la situazione al 31/05/2011 della nostra linea.

Mattia Centeleghe