Crea sito

TreniBelluno si rinnova...una nuova grafica pulita e veloce nel caricamento...buona visione!

Home Page Forum Gallerie Storia Tecnica
Simulazione Video Approfondimenti Mappa del sito Copyright

Gruppo ALn460/480, il "Binato Breda"


di Federico Carraro

Le automotrici ALn 448-442 vennero costruite dalla Breda in nove complessi binati tra il 1957 ed il ’58. Le FS ordinarono questi nuovi rotabili per partecipare con mezzi propri al “raggruppamento TEE” (dove TEE sta per Trans Europ Express), che prevedeva l’istituzione di alcuni servizi rapidi (con alcuni standard comuni di comfort e prestazioni) tra le principali città europee, gestiti dalle amministrazioni nazionali che aderivano all’iniziativa.
Inizialmente le automotrici furono classificate ALn 448-442 201-209, ma dal 1972 vennero modificate le marcature, portandole a quattro cifre (2001-2008, dato che un binato era già stato radiato per incidente).
Vennero prodotti nel 1958 anche 4 rimorchi (senza cabine), classificati Ln 60 201-204, che entro il 1970 furono convertiti in rimorchi per elettromotrici (e contestualmente riclassificati Le 602 001-004).
 Le FS adottarono la trazione Diesel per i treni TEE italiani sia per risolvere alla base il problema delle diverse alimentazioni elettriche delle reti estere, sia per il particolare avanzamento della tecnica italiana nel settore dei mezzi leggeri a trazione termica.
Ogni complesso binato, nella caratteristica livrea rosso-crema, è costituito da due automotrici dotate ciascuna di una cabina di guida aerodinamica e di una testata piana di intercomunicazione.
I soli carrelli estremi del complesso sono motori. Essi sono azionati da due motori orizzontali posti sotto le casse del binato. La trasmissione è meccanica e il cambio è un epicicloidale Wilson a cinque marce, a comando sia manuale che automatico (impostabile dal macchinista).
 I servizi TEE effettuati dai binati furono: il “Mediolanum” Milano-München, il “Ligure” Milano-Marseille, il “Lemano” Milano-Geneve, il “Mont-Cenis” Milano-Lion.
Dal 1972 il gruppo fu trasferito al DL di Reggio Calabria, dove curò per tre anni i rapidi Reggio-Bari e viceversa.
A partire dal 1974 le otto ALn 442 vennero trasformate in ALn 460 2001-2008, con la soppressione del comparto cucina e il conseguente aumento dei posti a disposizione (da 42 a 60).
In seguito furono assegnate al deposito di Treviso, dove prestarono servizio fino alla metà degli anni Ottanta. Ma già nel 1983 alcune unità vennero accantonate prima a Treviso e in seguito sui tronchini di alcune stazioni della Treviso-Calalzo e a Primolano.
Oggi solo il binato 2008 si è salvato dalla demolizione, ma una sua rimessa in ordine di marcia è per ora (2004) improbabile. La ALn 448 2007 è conservata (decoibentata) nel padiglione ferroviario del Museo della Scienza e della Tecnica di Milano.
 ALn 448-460 2001-2008 (costruzione Breda 1957-58)


DATI TECNICI riferiti ad un complesso binato (situazione dopo il 1974) 
massa totale di un complesso:104 t
massa aderente di un complesso:54 t
lunghezza di un complesso:56 m
larghezza:2,95 m
altezza max:3,75 m
diametro ruote:0,91 m
passo carrello:3 m
interperno di un automotrice:18,5 m
motori: 2 Diesel (sovralimentati)  Breda D19SB12P
potenza totale di un binato:680 kW a 1500 giri/min
cilindrata di ogni motore:35670 cm3
velocità max:140 km/h
autonomia:1800 km
posti totali:108


 

Foto del logo per gentilissima concessione di Alessandro De Nardi

Sito realizzato da Centeleghe Mattia

TreniBelluno ©2006/2007